Vladimir Medinskij

Miti e contromiti. L’Urss nella Seconda guerra mondiale

In preparazione

L’autore, in modo chiaro e convincente, sfata i più consolidati stereotipi sulla Seconda guerra mondiale.

IL LIBRO: Tra i meriti di questo libro c’è sicuramente quello di aver affrontato il delicato periodo 1939-1941, e quindi il Patto Molotov-Ribbentrop, e non essersi comodamente limitato, come la maggior parte delle opere simili russe, alla sola Grande guerra patriottica.
L’autore è riuscito, inoltre, a non commettere due errori comuni alla storiografia russa post-sovietica: avere evitato un approccio agiografico sia alla Grande guerra patriottica, sottolineandone anche gli orrori e le atroci sofferenze, che alla figura di Stalin. Del leader sovietico vengono giustamente evidenziati i grandi meriti e il fondamentale ruolo da lui svolto durante la guerra, senza, tuttavia, mai dimenticare che
fosse un tiranno.

Vladimir Medinskij Uomo di stato, politico, storico e pubblicista russo. Laureato presso la celebre
università di Relazioni internazionali della Federazione Russa. Professionista nel settore della comunicazione e delle pubbliche relazioni. Presidente della “Società storico-militare Russa”. Più volte deputato della Duma, è membro dell’Ufficio politico del partito di governo “Russia Unita”. Dal 2012 riveste l’incarico di Ministro della Cultura della Federazione Russa. Autore di numerosi libri di successo, tra i quali quelli della collana “I miti della Russia” da cui è tratta questa pubblicazione.

Rassegna stampa

autore: Vladimir Medinskij
titolo: Miti e contromiti. L’Urss nella Seconda guerra mondiale

Collana diretta da

LUCIANO CANFORA

Share This