Valeria Palumbo

E fummo liberi (1943-1945)

Le voci delle partigiane vibrano in un eccezionale ritratto delle donne protagoniste della Resistenza italiana.

IL LIBRO: Tra il 1943 e il 1945 una serie di bombardamenti devasta l’Italia da Nord a Sud, colpendo in particolare Milano. Sopravvivere diventa l’obiettivo principale per milioni di uomini e donne. Le partigiane e le sopravvissute ai campi di concentramento raccontano le loro vite di colpo lacerate dalla guerra: le fughe notturne, gli incontri furtivi, i volti dei loro cari ormai dispersi. I diari nascosti, le lettere di conforto, i messaggi in codice, le poesie nate dall’inferno compongono un reading teatrale in cui Jenide Russo, Ada Gobetti, Carla Tosi, Natalia Ginzburg, Maria Arata gridano tutta la loro indignazione. Le loro voci ardono e riescono a sollevarsi oltre l’orrore delle bombe, in un’unica richiesta: «Giustizia e libertà».

L’AUTRICE: Valeria Palumbo è giornalista, scrittrice e membro della Società italiana delle storiche (Sis). È stata per anni caporedattrice centrale dell’Europeo. Attualmente collabora con il Corriere della Sera e diverse riviste culturali. Tra le sue pubblicazioni ricordiamo Prestami il volto, La perfidia delle donne, Svestite da uomo, L’ora delle ragazze Alfa.

Mamma e io continuammo a lavorare per la Resistenza. Era pericoloso. Ma riuscimmo sempre a cavarcela. Imparammo a scegliere modi e orari, e a individuare d’istinto chi ci stava alle calcagna.

autore: Valeria Palumbo
titolo: E fummo liberi (1943-1945)
pagine: 108
prezzo: 9,00 €
ISBN: 9788899918033

Share This